Spyro Reignited Trilogy – Un tuffo nel passato

Condividi :
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Circa 20 anni fa, un piccolo draghetto viola di nome Spyro, volava in picchiata nelle nostre case, pronto a rendere le nostre giornate indimenticabili.
Dopo l’uscita dei primi 3 capitoli, Insomniac Games (un gruppo di sviluppatori americano) perse la possibilità di lavorare a nuovi titoli di Spyro. Universal Interactive Studios, diventata proprietaria di Spyro, continua a pubblicare nuovi capitoli. Nel 2007, dopo una serie di acquisizioni e fusioni, Spyro finisce nelle mani di Activision.
Dopo poco, viene lanciata la famosissima serie Skylanders, che ottiene fin da subito un enorme successo, lasciando però i fan di Spyro delusissimi, sia per le dinamiche di gioco completamente diverse, sia per il design dei vari personaggi, che si discostava drasticamente dallo stile originale.

Immagine correlataRisultati immagini per spyro skylanders

L’annuncio di un remake dei primi 3 capitoli quindi, spaventava tutti… Ma ora che questo remake è arrivato,  riuscirà ad accontentare anche i fan di vecchia data, o si rivelerà l’ennesima delusione?


Nonostante questo titolo (come Crash Bandicoot N.Sane Trilogy) venga pubblicizzato come una “rimasterizzazione”, si discosta moltissimo dalle remastered a cui siamo abituati. Questo gioco infatti, non si limita ad un semplice aumento della risoluzione, ma viene interamente rifatto da zero.

Risultati immagini per spyro world comparison

Questa volta, Spyro rimane fedelissimo all’originale, mentre i vari draghi, subiscono un vero e proprio restyling. Un lavoro impressionante, se consideriamo che il primo capitolo ospita 80 draghi diversi.


Mentre l’aspetto di Spyro viene migliorato senza essere stravolto, alcuni personaggi principali vengono completamente rivisistati. Mentre per alcuni la cosa funziona, per altri dispiace un po’ vedere un cambiamento così drastico.

Risultati immagini per spyro sheila comparison

Per continuare il viaggio nella nostalgia, sono state rimasterizzate anche le tracce dei vari giochi, anche se, a livello di qualità, non si sente una grandissima differenza. Le varie tracce però, sono state rese più dinamiche e interattive con i vari luoghi e le azioni che vengono compiute durante il gioco (e nel caso in cui queste novità non dovessero piacervi, potrete sempre selezionare la soundtrack originale e inalterata nel menu opzioni).

E visto che siamo in tema di audio, pare doveroso soffermarsi sul doppiaggio.
Anche se le voci di Reignited Trilogy sono tutte diverse, il cast di doppiatori è davvero eccezionale. Eccellente quindi a livello di qualità, ma un piccolo colpo al cuore per i nostalgici (anche se, in questo caso, il cambio di voci è giustificabile e quindi alla fin fine non da fastidio).

Hunter, da questo punto di vista, è uno dei personaggi che subisce più cambiamenti. Oltre ad avere un design totalmente rivisitato, Hunter perde anche la sua aria (e la sua voce) da tontolone, peculiarità che lo contraddistinguevano e che adesso, essendo sparite, lo hanno fatto diventare un personaggio “come tutti gli altri”.

Immagine correlata
Altri personaggi invece, restano molto fedeli agli originali e il risultato è davvero magnifico!

Risultati immagini per spyro sheila comparison

Anche la voce di Ripto, per esempio, cambia drasticamente: Il vecchio Ripto aveva una voce più squillante, da psicopatico, mentre il nuovo Ripto, doppiato da Mr. Krab di Spongebob (Mario Zucca), ha la classica voce da personaggio malvagio. In questo caso però, ci si abitua facilmente alla nuova voce, che si addice comunque moltissimo al personaggio.


Superate le barriere “estetiche” e appurato il fantastico lavoro fatto nella realizzazione di questo remake, c’è un fattore che preoccupa moltissimo: il gameplay.

In Crash Bandicoot N. Sane Trilogy, moltissime persone si sono lamentate per i controlli un po’ ostici, che hanno mandato letteralmente in crisi tutti i veterani dei giochi originali.
Prima di addentrarci in maniera più specifica nelle varie caretteristiche, ci teniamo a rassicurarti: i controlli sono perfetti, ti sembrerà di giocare ai giochi originali (con addirittura qualche miglioria)!

Il primo grande cambiamento riguarda la telecamera. Mentre nei giochi originali potevamo muoverla soltanto a sinistra e a destra, nella Reignited Trilogy abbiamo la possibilità di muoverla liberamente. Un’aggiunta splendida, che ci permette di ammirare ogni singolo angolo di questi mondi meravigliosi.
Sfortunatamente però, non è tutto oro quello le luccica: mentre da un lato quest’implementazione regala al giocatore un’esperienza più immersiva, dall’altro, va a creare alcuni problemi che, proprio a cuasa di questa “mancanza”, non erano presenti nei giochi originali.
Due esempi possono essere i livelli di volo (dove potreste avere alcune difficoltà nel seguire in maniera precisa i percorsi) e il nuoto: muoversi sott’acqua può diventare un po’ frustrante, soprattutto utilizzando la carica. In linea generale inoltre, mentre si gioca, l’effetto “motion blur” (che da l’effetto velocità) della telecamera, risulta un po’ fastidioso.

Se non siete grandi fan dei caricamenti, dovrete armarvi di pazienza. Il problema non è tanto nella durata dei caricamenti, ma nella quantità. Ad ogni vita persa, per esempio, dovrete attendere 10-20 secondi prima di poter ricominciare. Nonostante questo però, l’esperienza di gioco è così bella e piacevole che la cosa non pesa assolutamente (e ve lo dice una persona che, in questi casi, ha davvero poca pazienza). Le schermate di caricamento inoltre, sono interattive: sarà quindi possibile muovere (in maniera limitata) Spyro, fare delle “piroette” e sputare fuoco.

Parlando di novità, nella Reignited Trilogy viene inserita la possibilità di viaggiare velocemente tra i vari mondi e livelli (già visitati, ovviamente). Un’aggiunta davvero utile, che vi farà risparmiare un sacco di tempo, soprattutto quando vi dedicherete al completamento al 100% del gioco.

 


I punti abilità, che prima erano esclusiva del secondo e del terzo capitolo, vengono implementati anche nel primo. La lista dei punti abilità è visionabile in qualunque momento dal menu “Guida”. Una volta completati tutti i punti abilità, sbloccherete delle galleria contenenti i Concept Art di questo remake.
La possibilità di trovare le gemme grazie a Sparx  (abilità sbloccabile solo nel secondo e nel terzo capitolo), viene estesa anche al primo capitolo e viene resa disponibile da subito.
Anche le mappe (attivabili dal menu opzioni) vengono rese disponibili in tutti e 3 i capitoli.


Un remake fantastico, curato nei minimi dettagli, che farà breccianei cuori dei vecchi giocatori e di chi si affiancherà per la prima volta a questo gioco.
La quantità di lavoro e di cura messe nella realizzazione di questo gioco e il prezzo molto accessibile (soprattutto considerando che Reignited Trilogy contiene ben 3 giochi diversi), rendono questo titolo un MUST HAVE, che non potrà assolutamente mancare nelle vostre collezioni!

VOTO: 9/10
 


Condividi :
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares