Shadow Of Tomb Raider – Da dove tutto ebbe inizio

Condividi :
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Shadow of Tomb Raider sarà l’ultimo viaggio della giovane Lara Croft prima di diventare la famosa e conosciuta Tomb Raider adulta e forte.
Con questo capitolo si conclude il reboot ideato da Square Enix che ci ha portati a conoscere la giovane Lara.
Riuscirà questo capitolo a soddisfare tutte le aspettative?
Scopiramolo insieme in questa recensione! 



Tutto ha inizio con Lara e Jonah che si trovano su un aereo che sta precipitando, qui tra flashback che ricordano cosa accaduto in Rise of the Tomb Raider, tagli, dissolvenze, l’aereo si schianta fra le montagne rocciose. Lara dovrà liberarsi dalle macerie e scoprirà qualcosa di soprendente. La nostra protagonista farà lo sbaglio di rubare un oggetto sacro, per paura che possa finire nelle mani sbagliate, ma a causa di questo errore scatenerà la più grande maledizione Maya che potesse accadere. Molti morti, frane,terremoti e tanti altri disastri si scateneranno. Con i sensi di colpa Lara dovrà affrontare tutto ciò. Il destino che l’aspetta è più grande di quello che lei possa immaginare.


Il gameplay risulta fluido e senza intoppi. I comandi e i controlli ti fanno sentire padrone dei movimenti di Lara constrollandola con semplicità. Da questo punto di vista molti passi in avanti sono stati fatti rispetto agli altri Tomb Raider che ci facevano penare per i comandi che a volte non rispondevano come volevamo. Qui invece risulta tutto più realistico e semplice da usare. Il comparto grafico è una delle note positive di questo gioco perchè ci ritroveremo immersi in scenari mozzafiato con delle texture paurose da lasciare senza fiato. Finalmente tornano tombe e scenari archeologici che tutti aspettavamo.

Leggi Anche: Strange Brigade – Archeologi speciali in Egitto alle prese con le mummie.

L’immersione nel gioco è assicurata. L’audio aiuta molto ad immergersi essendo in Dolby Sorround. Ritroviamo un doppiaggio di una qualità pazzesca, paragonabile ai migliori film doppiati.

I dialoghi ci accompagneranno in questa avventura importante per la crescita della nostra protagonista. La storia e la trama risultano avvincenti e molto scorrevoli. Vari nemici si incontreranno per la strada e con le nostre armi fidate li affronteremo e li batteremo con il massimo coraggio che solo Lara ha.
La storia principale dura circa una decina di ore se non badate a missioni secondari o se non vi dedicate all’esplorazione di zone immense e stupende. Il mio consiglio è esplorare a più non posso perchè è proprio li che questo gioco da il meglio di se.
Per gli amanti della saga e del genere è davvero difficile trovare degli aspetti negativi.


Questo capitolo conclusivo credo sia epico e assolutamente da giocare. Tutto ci porterà a scopire cosa si cela nel passato della Lara Croft che tutti conosciamo. Shadow of the Tomb Raider dopo ben tre anni ci ripaga dell’attesa per questo capitolo regalandoci momenti di gioco pazzeschi. La storia vi sembrerà durare pochissimo. Molti sono i richiami ad Uncharted, sopratutto negli scenari, ma per chi ama il genere non farà altro che piacere, sopratutto per quelli come me che sperano in un futuro crossover fra Tomb Raider e Uncharted. Questo capitolo rende giustizia a Lara Croft e ci fa passare ore di pura goduria videoludica.

Se l’articolo ti è piaciuto commenta e spammalo ovunque. Non dimenticare di attivare la campanella delle notifiche così da rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Reviewsplanet.it

VOTO

9.5

TRAMA

9.8/10

GRAFICA

9.5/10

AUDIO

9.6/10

GAMEPLAY

9.0/10

Condividi :
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share