Deiland: dai vita al tuo pianeta – Recensione

Condividi :
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Deiland è un interessante progetto di Kickstarter, finanziato con più di 30’000$ (Goal 10’000$) e da più di 1’000 backers.

Molto tempo fa, quando l’universo era giovane, i bambini venivano inviati su Pianeti Minori. La loro missione era quella di risvegliare la magia dei Cristalli custoditi all’interno del pianeta.
Questa è la storia di Arco, il più giovane di questi bambini che vive sul pianeta più piccolo, Deiland. 
Ma su Deiland non c’è solo pace e tranquillità. Un’ombra vaga nell’oscurità assoluta dell’universo. L’ombra parla attraverso i sogni alle creature malvagie costringendole al servirla, con l’unico obiettivo di trovare i bambini e i loro pianeti, di derubarli del potere del Cristallo e sottometterli.


Il gioco e la trama sono ispirati alla storia de “Il Piccolo principe” e ai giochi Final Fantasy, Dragon Quest e Stardew Valley. A me per esempio, ha ricordato moltissimo Super Mario Galaxy ed Animal Crossing.

Lo scopo principale del gioco è quello di arricchire il proprio pianeta con piante e costruzioni, potenziare e creare oggetti e aiutare i vari personaggi che incontreremo durante la nostra avventura. 


L’impostazione del gioco e la sua soundtrack, contribuiscono a rendere il gioco molto rilassante, regalando al giocatore una sessione di gioco davvero molto piacevole.
Persino i combattimenti non vanno ad intaccare questa atmosfera così pacifica. Nonostante il sistema di combattimento sia libero, gli attacchi risultano molto “macchinosi”, facendolo somigliare molto di più a un combattimento a turni.


Il gioco si sviluppa solo su due location: a primo acchito questo fattore può risultare un pò allarmante, ma l’assenza di nuove ambientazioni da esplorare non va ad incidere più di tanto sull’esperienza di gioco.
Le coltivazioni sono controllate da un timer che viene messo in pausa quando si chiude la sessione di gioco: di conseguenza, rientrando dopo una settimana, dovrete comunque attendere che le cose che avete piantato finiscano di crescere. Questa è una delle cose che inizialmente mi ha fatto storcere il naso, ma andando avanti col gioco, mi sono reso conto che la cosa non costituiva assolutamente un problema e che poteva essere gestita benissimo, con un minimo di organizzazione.

Arco è munito di 4 barre:

Arco's stats
– Salute
– Energia (Stamina)
– Esperienza
– Fame

La barra della fame non costituisce un grande problema, in quanto, nonostante scenda piuttosto velocemente (evitate di mangiare prima di dormire, visto che spesso al vostro risveglio troverete la barra della fame quasi a 0), è facile ricaricarla con la grossa quantità di materiali che è possibile coltivare.
Se la barra della fame scende a 0, Arco inizia a perdere energia: tuttavia però, l’energia arriverà piano piano al minimo, senza svuotarsi completamente. La cosa costituisce una difficoltà soltanto nei combattimenti coi nemici, visto che con un solo colpo verrete messi K.O.
Se andrete K.O, i nemici vi ruberanno alcuni oggetti.
I comandi risultano un pò macchinosi e la gestione degli spazi non è il massimo: capiterà spesso infatti di bloccarsi vicino ad alcuni oggetti, nonostante quello spazio sia apparentemente vuoto. Questa cosa costituisce un problema anche con albero e cespugli… Dovete fare molta attenzione a come gestire gli spazi, altrimenti sarà un inferno passare tra le varie piante!

Le quest vengono fornite dai visitatori. La loro apparizione è randomica (fatta eccezione per un paio di personaggi) e questo fattore può risultare molto pesante alla lunga, soprattutto quando si ha tutto il necessario per procedere con la missione. 
Un altra pecca, riguarda un particolare personaggio che apparirà (sempre in maniera casuale) insieme agli altri visitatori. Dovrete prestare particolare attenzione a questo personaggio, in quanto tenterà di rubare (ogni singola volta) i vostri oggetti. Questa è forse l’unica cosa che ho trovato pesante nel gioco, visto che anche dopo aver completato la sua quest al 100% continuerete a dover fare attenzione che non vi rubi il cibo. Ma per difendersi da questo ladruncolo basterà piazzarsi ogni volta davanti alla porta di casa. In questo modo, fermarlo sarà un gioco da ragazzi!
Una cosa che ho apprezzato davvero tantissimo in questo gioco è il meteo. Ogni inizierà a piovere e sarà possibile controllare le nuvole in modo che la pioggia cada sulle nostre coltivazioni e ne velocizzi la crescita!

Deiland è un gioco molto particolare. Nonostante la sua semplicità e la sua apparente monotonia, è in grado di regalare lunghe sessioni di gioco (ho giocato anche per 1-2 ore senza problemi) in totale relax e spensieratezza. Un gioco consigliato sia a grandi che a piccoli, a patto che si conosca una delle lingue disponibili (Inglese – Tedesco – Francese – Spagnolo – Valencia).
Non è un gioco perfetto e per apprezzarlo bisogna scendere un pò a compromessi, ma per 14,99€ (9,99€ al momento della recensione) è un gioco davvero stupendo!
Assolutamente consigliato l’acquisto!


Di seguito, il video dedicato al gameplay:

8.3

TRAMA

8.5/10

GRAFICA

8.0/10

AUDIO

9.5/10

GAMEPLAY

9.0/10

CONTROLLI

6.5/10

Condividi :
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares